weekend a san vito di cadore

Booking Online

weekend a san vito di cadore

Weekend a San Vito di Cadore

22 settembre 2017 by Albergo Tre Stelle Cadore No Comment

Lo stress e il caos che consuma tutti noi durante la settimana si accumula volta per volta e ci rende nervosi e poco produttivi: l’ideale per invertire questo trend è fare le valigie e partire per un rilassante e rigenerante weekend a San Vito di Cadore.

Una location suggestiva

La piccola e ridente cittadina di San Vito di Cadore è un comune italiano di 1.881 abitanti che si trova a 1.011 metri di altezza e dista circa 11 chilometri da Cortina. In una valle circondata da boschi misti di latifoglie e conifere è possibile trovare questo comune, nel cuore del tipico paesaggio delle Dolomiti. Vedere San Vito, la meta turistica più importante del Cadore, costituisce un’esperienza magnifica a tutto tondo, in un’atmosfera magica ricca di paesaggi mozzafiato, aria pulita e monumenti caratteristici. Un intero weekend a San Vito di Cadore rilassa e dona nuove energie.

Cenni storici

Si ritiene che il territorio occupato attualmente dalla città, nel medioevo servisse prevalentemente alla raccolta del legno e alle attività di pascolo, con probabili insediamenti di carattere stagionale. Attorno al 1200 risale l’antica pieve di San Vito, una chiesa con annesso battistero: da ciò si può dedurre che col sorgere di questa pieve ci siano stati poi i primi insediamenti stabili, sotto una precisa circoscrizione religiosa, ma anche territoriale. Attorno al 1400 San Vito passò sotto il dominio della Repubblica di Venezia, mentre nel 1866 entrò a far parte del Regno d’Italia. Dopo tanti anni difficili a causa del dominio austriaco novecentesco, San Vito iniziò a crescere come località turistica a partire dalla seconda metà del Novecento. Tra le personalità eminenti legate a questa città figura Renato Pamparini, botanico che studiò l’antico tiglio di San Vito, la pianta che ispirò il primissimo stemma del Cadore.

Monumenti e punti d’interesse a San Vito di Cadore

Sicuramente i due edifici più antichi sono la chiesetta della Difesa e il pievenale, che pur risalendo al 1200 è stato però ricostruito nel 1760 su ordine degli Schiavi. All’interno della chiesa spiccano l’affresco di San Cristoforo e la pala d’altare di Francesco Vecellio, fratello del più celebre Tiziano. Per quanto riguarda la chiesetta della Difesa, al suo interno è possibile ammirare un’abside tardo-gotica raffigurante l’invasione asburgica, assieme alla pala d’altare realizzata anch’essa da Francesco Vecellio. Trascorrere tre giorni nel Cadore consente di spostarsi verso la lussureggiante vallata di Mondeval, dove risiede un sito archeologico preistorico.

Relax e tour

In un weekend a San Vito di Cadore ci sono numerose possibilità di escursione, per fare dei tour panoramici lungo i sentieri di montagna. Quando arriva l’inverno si può usufruire di un’attrezzata ski-area, provvista di seggiovie moderne, piste da sci e un servizio di ski-bus. Tra gli imponenti monti Sorapiss, Pelmo e Antelao vi è un centro turistico attivo sia d’estate che d’inverno. In base ai propri gusti, è possibile intraprendere numerose attività, come visitare le caratteristiche botteghe sparse per le vie, mangiare buon cibo al ristorante o passare la vita notturna nei vari pub. Concedersi un rilassante weekend a San Vito di Cadore è sicuramente una scelta vincente, perché in questa caratteristica località non mancano mai i paesaggi mozzafiato e le attrazioni culturali, senza dimenticare le numerose aree dedicate alle escursioni e alle visite guidate, che sono sinonimo di qualità e affidabilità.

About Author

Albergo Tre Stelle Cadore
  •