Itinerari da non perdere nel Cadore

Booking Online

Itinerari da non perdere nel Cadore

Itinerari da non perdere nel Cadore

23 novembre 2017 by Albergo Tre Stelle Cadore No Comment

Il Cadore è una zona ricchissima di paesaggi mozzafiato e itinerari sia per escursionisti esperti che per chi cerca semplicemente una zona tranquilla e immersa nel verde dove effettuare una camminata o una passeggiata. Il Cadore è infatti una zona posta ai piedi delle Dolomiti, dove le Alpi diradano in verdi e lussureggianti vallate. Gli itinerari che si possono affrontare nella zona comprendono sia camminate su sentieri e carraie, itinerari da affrontare in bicicletta e anche escursioni impegnative per esperti, caratterizzate da particolari difficoltà di percorso e dislivelli importanti. Ecco alcuni consigli per affrontare un’escursione nel Cadore per tutti i livelli di preparazione e di difficoltà.

Itinerari nel Cadore per escursionisti

Itinerari Cadore Tre Cime di Lavaredo

Uno dei più battuti itinerari nel Cadore, indicato per escursionisti di media esperienza, è il giro delle Tre Cime di Lavaredo. Si tratta di un percorso ad anello, cioè che termina nel punto dove è iniziato, e dura circa 3 ore, per un totale di 370 metri di dislivello. Il percorso parte dal rifugio Auronzo e segue i sentieri CAI indicati con i numeri 105 e 101. L’escursione permette di aggirare completamente le imponenti cime delle Dolomiti, ammirando panorami unici e fare anche un’immersione nella storia contemporanea italiana. Il percorso segue infatti il primo fronte della Prima Guerra Mondiale, e lungo l’itinerario è possibile vedere resti di trincee e postazioni di guerra, come un vero museo all’aperto. Un’altra interessante escursione è quella delle Casere di Ospitale. Si tratta di un anello che si percorre in circa 3 o 4 ore, raggiungendo alcune casere lungo le valli, seguendo i sentieri CAI 483 e 488.

Passeggiate e camminate nel Cadore

Vista dal Sentiero del Papa a Lorenzago di Cadore

Il sentiero Giovanni Paolo II è uno degli itinerari nel Cadore più indicati per chi ama le camminate meno impegnative, anche se lunghe. Per completare tutto l’anello del percorso ci vorrà un’intera giornata, contando anche delle soste per lasciar riposare i meno allenati della comitiva, per cui si consiglia di portare un pranzo al sacco o considerare il tempo di una sosta in un rifugio. Questo sentiero parte dalla località Stabiere, raggiungibile da Lorenzago, e si snoda lungo il sentiero CAI 336. Il sentiero prende il nome del Papa che fece una vacanza nel Cadore nel 1987 e si affezionò in modo particolare a questi luoghi. Il dislivello complessivo è di 430 metri, ma le pendenze sono sempre dolci. Una passeggiata più breve è quella che da Praciadelan porta alla Cascada delle Pile, oggi inaccessibile a causa di una frana. Il percorso dura circa 3 ore e inizia lungo la via carrozzabile 255 per poi inoltrarsi nella Val d’Oten, con suggestivi panorami sulle Marmarole e lungo le vie battute dai soldati nella Prima Guerra Mondiale.

 

Itinerari per mountain bike nel Cadore

Itinerari Cadore Il Boite

Un’interessante itinerario nel Cadore che si può affrontare in mountain bike è l’anello che porta da Ampezzo a Cadore lungo il corso del torrente Boite. Anche questo è un itinerario ad anello, cioè che termina nello stesso punto dov’è iniziato, senza richiedere trasferte al termine del percorso. Quest’ultimo è lungo 22 chilometri per 250 metri circa di dislivello e parte dal lago di Mosigo, presso San Vito di Cadore. Il lago si può raggiungere in macchina, mentre da qui è possibile discendere lungo il Boite in bicicletta in direzione di Cortina. Da qui si raggiunge il suggestivo Lago de Pianòzes e quindi, sempre seguendo il corso del fiume, San Vito di Cadore. Dalla località Acquabona si raggiunge quindi la la pista ciclabile Lunga Via delle Dolomiti, che permette di risalire agevolmente al Lago di Mosigo.

About Author

Albergo Tre Stelle Cadore
  •